Enogastronomia

portoghesi amano mangiare almeno quanto noi italiani. Basti pensare che oltre ai tradizionali ristoranti, vi sono numerosissimi centri commerciali con interi piani dedicati alla ristorazione dove è possibile mangiare praticamente a qualsiasi ora del giorno.

Pur essendo un paese territorialmente poco vasto, la cucina portoghese si distingue per la varietà di materie prime utilizzate: dal bacalhau (baccalà), ai piatti di carne, ai frutti di mare, al pesce fresco, ai formaggi regionali, ai vini unici.

Pasteis de Belém

Pasteis de Belém

Marisco

Marisco

Porto

Porto

Frutta

Frutta

Caffè Storico

Caffè Storico

Pesce Fresco

Pesce Fresco

Bacalhau

Bacalhau

ll pesce fresco, pescato nelle ricche acque dell’Atlantico e grigliato al momento, e la varietà infinita di “marisco” (frutti di mare) sapranno accontentare anche i commensali più esigenti.

Per gli amanti della carne, le diverse zone del Portogallo hanno piatti tipici a base di vitello, maiale, agnello e via dicendo. Molto famosi anche gli insaccati uno tra tutto lo chouriço.

Il bacalhau, definito “fiel amigo” (amico fedele) dai portoghesi, è uno dei principali ingredienti della gastronomia portoghese: si dice che possa essere cucinato in tante varietà da poterne mangiare ogni giorno dell’anno senza ripetersi.

 

Vi verrà certamente da sorridere quando leggerete “Lasanha de Bacalhau” sul menù.

I portoghesi vanno particolarmente fieri dei loro vini. I più famosi sono certamente il Porto e il vino della Madeira utilizzati sia come aperitivi che come digestivi.  Ma la tradizione vinicola portoghese è ben più ampia e le regioni del Douro e dell’Alentejo sono senza dubbio ottime destinazioni per gli amanti dell’enologia.

Per chi vuole provare qualcosa di unico, il “vinho verde” (vino verde) viene prodotto esclusivamente in Portogallo.

tram-portogallo